9CW4lC LF<좀 eL6<@<# F$`,B'@B3 ,e\#:C?yd` E #Q Dc#!c,3\ Ɣ+)ٜ 1! ,"s!#g4LC bf 范}`t#gTb=Ԡ  NDa|yd,.~452,`C55`䂀 "dc7a

UN OCCHIO PER LA TUA SICUREZZA

Accertamento e repressione dei reati, sicurezza pubblica, tutela della proprietà privata, controllo stradale... ecco alcune situazioni dove si necessita di un sistema di controllo visi2ԢE$A#l$1m,ÇX<` U#oÆx |:Ǥ#2bba l#xAc !,4A4C yD \ V<`c`a3$Cz"g`\D`tc,$d#x,A, @$c Xl€ htl U|`?_ܣ 7, t"\`ԃ0'L@ d#!1,: riguarda i Comuni che intendono installare telecamere per fini di sicurezza urbana, installazioni riconducibili a tutela della sicurezza pubblica, prevenzione, accertamento o repressione dei reati. (La conservazione dei dati non può superare i 7 giorni, fatte salve speciali esigenze).
Sistemi integrati: sono i sistemi che collegano telecamere tra soggetti diversi, sia pubblici che privati, o che consentono la fornitura di servizi di videosorveglianza "in remoto" da parte di società specializzate (es. società di vigilanza, Internet providers) mediante collegamento telematico ad un unico centro. (Sono obbligatorie specifiche misure di sicurezza – es. contro accessi abusivi alle immagini. Per alcuni sistemi è comunque necessaria la verifica preliminare del Garante).
Sistemi intelligenti: sistemi dotati di software che permettono l’associazione di immagini a dati biometrici (es. “riconoscimento facciale”) o in grado, ad esempio, di riprendere e registrare automaticamente comportamenti o eventi anomali e segnalarli (es. motion detection). (è obbligatoria la verifica preliminare del Garante).
Violazioni al codice della strada: Le telecamere devono riprendere solo la targa del veicolo (non quindi conducente, passeggeri, eventuali pedoni). (Le fotografie o i video che attestano l’infrazione non devono essere inviati al domicilio dell’intestatario del veicolo).
Deposito rifiuti: lecito l’utilizzo di telecamere per controllare discariche di@L Ac) k| QL "dA ,ҌPL*G<@ b s,T L`"nl@ԃ Q$! ` ,#&[,H`t{ ԢYt C_ Ospedali e luoghi di cura: non è permessa la diffusione di immagini di persone malate mediante monitor quando questi sono collocati in locali accessibili al pubblico. E’ ammesso, nei casi indispensabili, il monitoraggio da parte del personale sanitario dei pazienti ricoverati in particolari reparti (es. rianimazione), ma l’accesso alle immagini deve essere consentito solo al personale autorizzato e ai familiari dei ricoverati.
Istituti scolastici: è ammessa l’installazione di sistemi di videosorveglianza per la tutela contro gli atti vandalici, con riprese delimitate alle sole aree interessate e solo negli orari di chiusura.
Taxi: le telecamere non devono riprendere in modo stabile la postazione di guida e la loro presenza deve essere segnalata con appositi contrassegni.
Trasporto pubblico: lecita l’installazione su mezzi di trasporto pubblico e presso le fermate, ma rispettando limiti precisi (es. angolo visuale circoscritto, riprese senza l’uso di zoom).
Web cam a scopo turistico: la ripresa delle immagini deve avvenire con modalità che non rendano identificabili le persone.
Tutela delle persone e della proprietà: contro possibili aggressioni, furti, rapine, daJB9^t#h4Lb daB!g!B &dc< 1` \BZ@vPdAl  &c t< O #fT]Dʌc( B9A|b9`$Bhtt89l#oA4B B4tdÂR$,"y,C&d!b $T| ,#5a|bn\s|Dc!LbB\!lÃpa# *!  bp t#5pD$T  BJ\Æ  %\ `" 1tA ̢p@Å w,`€5l->